Home / Codice Antigone / A testa in giù, una storia dell’Arma

A testa in giù, una storia dell’Arma

Si trova su Amazon ed in alcune librerie ormai da mesi un libro scritto a quattro mani dalla scrivente insieme al maresciallo a riposo Renato Nugnes, edito da Pegasus edition di Cattolica e dal titolo A testa in giù.

Il titolo può apparire curioso, ma vuole dare l’idea di un modo diverso di vedere il mondo, a testa in giù appunto e ciò perché il libro parla di una esperienza realmente accaduta al maresciallo Nugnes quando era in servizio, una esperienza traumatica che ha cambiato il suo modo di vedere il mondo.

Ivan, il protagonista, ha un incidente durante il servizio di pattuglia e rimane profondamente ferito, va in coma, ma vede e sente e nel libro ripercorre cosa ha visto e sentito durante il coma, durante quel tempo dilatato e diverso che vive nella lotta per sopravvivere e poi per tornare a stare bene. Il suo compagno purtroppo muore nell’incidente, infatti il libro è dedicato a tutti i caduti in servizio.

Durante il coma accanto a Ivan si muovono vari personaggi, in particolare la moglie Matilde, della quale sono descritti gli stati d’animo di angoscia e speranza e la misteriosa angelo custode Michelle.

Michelle è l’unione fra terra e cielo e rappresenta quella parte spirituale profonda che alberga nell’uomo.

Irrompe ogni tanto nella narrazione Josephine, un pubblico ministero con cui Ivan lavorava spesso e che mette i puntini sulle “i” alle sue indagini e ai suoi insegnamenti ai giovani; perché Ivan con questo suo ricordare vuole anche fornire ai più giovani uno strumento di riflessione sulla vita e sui suoi aspetti per invitarli a prendere coscienza e rispettare la vita stessa. Nel momento del coma Ivan rivive la sua vita e carriera nel corpo dei Carabinieri dalla giovane età di diciotto anni e rivive molte esperienze e ne trae monito e insegnamento per i più giovani. Ricorda i tempi delle piccole caserme in montagna, gli interventi rischiosi, ma necessari in luoghi dove il Carabiniere faceva tutto, dal Vigile del fuoco al Pronto soccorso. Ne esce un quadro reale della vita nell’Arma e la descrizione del vero compito del carabiniere, ne esce il valore sociale dell’Arma.

Il libro è complesso e presenta molti piani di lettura, autobiografico, sociologico, psicologico, spirituale.

La scrittura a quattro mani si è rivelata proficua e facile, come se un comune intento avesse guidato le mani degli autori intrecciandole in una unica penna.

Il consiglio è di leggerlo perché nella sua apparente semplicità mostra uno spaccato realistico della nostra attuale società.

About Jacqueline Magi

Check Also

L’età contemporanea come età dei diritti

Alcuni storici hanno parlato di età contemporanea come età dei diritti. Prima di capirne il …

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi