Home / Cultura / “Dalla discriminazione alla persecuzione”, a Todi una giornata di studio della Fondazione Ugo Spirito e Renzo de Felice

“Dalla discriminazione alla persecuzione”, a Todi una giornata di studio della Fondazione Ugo Spirito e Renzo de Felice

In occasione della Giornata della Memoria, la Fondazione Ugo Spirito e Renzo De Felice ha organizzato per la giornata di sabato 26 gennaio un incontro a Todi, con il patrocinio e il sostegno del Comune e la collaborazione dell’Associazione Italia-Israele di Perugia.

Il 27 gennaio del 1945, giorno in cui furono aperti i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz, è la data simbolica scelta dall’Onu per ricordare le vittime dell’olocausto della seconda Guerra Mondiale, iniziata nel 1939 (un anno dopo l’introduzione delle leggi razziali) e terminata ufficialmente nel 1945.

Nel gennaio del 1939, esattamente ottanta anni fa, gli italiani di religione israelitica e di origine ebraica cominciarono a subire le conseguenze delle “leggi razziali” varate tra il novembre e il dicembre del 1938, dopo l’espulsione dei ragazzi e degli insegnati ebrei dalle scuole, disposta nel settembre precedente. Per questo l’incontro è stato intitolato “Dalla discriminazione alla persecuzione”.

L’iniziativa si svolgerà nella Sala del Consiglio dei Palazzi Comunali di Todi, con inizio alle ore 10.

Una giornata che farà riflettere e alla quale è importante partecipino soprattutto gli studenti delle scuole poiché il futuro è nelle loro mani ed è necessario venire a conoscenza delle atrocità commesse in passato, per evitare che in futuro si ripetano gli stessi errori.

I lavori saranno introdotti dal sindaco Antonino Ruggiano e dall’assessore alla cultura Claudio Ranchicchio.

Interverranno: la storica Ester Capuzzo, ordinario di Storia contemporanea nella Sapienza Università di Roma, sul tema “Gli ebrei italiani dall’emancipazione alle leggi razziali”; l’antropologa Maria Luciana Buseghin, presidente dell’associazione Italia-Israele di Perugia, sul tema “L’Umbria ebraica, storie e personaggi verso la discriminazione”; il giornalista e storico Gianni Scipione Rossi, vicepresidente della Fondazione Ugo Spirito e Renzo De Felice e direttore del Centro Italiano di Studi Superiori per la Formazione e l’Aggiornamento in Giornalismo Radiotelevisivo, sul tema “Gli intellettuali italiani tra l’indifferenza e mobilitazione razzista”.

About Sara Autorità

Check Also

Dal crollo del Muro di Berlino al disfacimento dell’Unione Sovietica

Quest’anno ricorre il trentesimo anniversario di un evento della storia mondiale che possiamo considerare uno …

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi