Home / Cold Case / Daphne Caruana Galizia, un anno dopo

Daphne Caruana Galizia, un anno dopo

Un anno fa (il 16 ottobre del 2017) Daphne Caruana Galizia, giornalista e blogger maltese, veniva uccisa. L’autobomba e l’inchiesta della polizia, ferma al palo, sottolineano, se ve ne fosse bisogno, il modo strano e anomalo in cui è stata trattata, in vita e in morte, una giornalista che ha messo il dito nella piaga della corruzione e della malapolitica, scoperchiando il mare magnum del traffico di carburante, di droga, di denaro e di evasione fiscale che attanaglia la piccola isola di Malta e passa per uffici finanziari e bancari. Un Paese che sta in Europa, accetta le regole fiscali dell’Unione e poi attira investitori e imprenditori con una tassazione al 5%. Una sorta di hub per il denaro di dubbia provenienza.

L’indagine per la morte di Daphne Caruana Galizia è ancora lì, ferma all’esplosione di un anno fa. Chi si è interessato alla vicenda, a livello internazionale, ha sbattuto contro un muro di gomma e contro la scarsissima collaborazione del governo maltese. 45 giornalisti di 18 diverse testate internazionali (stampa, on-line, radio, tv) hanno portato avanti un lavoro di inchiesta collettivo, grazie anche alla francese “Forbidden stories”, partendo dal punto in cui si era fermata Daphne Caruana Galizia. Una giornalista che indagava sul premier maltese e il suo governo, ma anche sull’opposizione, sui nazionalisti, picchiando duro sulla classe politica. Attaccava tutti sulla corruzione e sul malaffare. Stava seguendo il filone maltese dei Panama papers. Non fermandosi neppure davanti ai magistrati corrotti e alla polizia invischiata in festini a base di sesso e droga. Ha subito atti di persecuzione, minacce, cani sgozzati e casa bruciata, è stata seguita e filmata. Fino al tragico epilogo, saltando in aria alla guida della sua auto.

Domenica 14 ottobre alle 17.30, alla Sala della Vaccara, ricorderanno Daphne Caruana Galizia, Carlo Bonini di La Repubblica e Daphne project, Esma Çakir, presidente Associazione Stampa Estera, Paolo Borrometi presidente di Articolo 21 e Sandro Petrone inviato Rai. L’evento è organizzato in collaborazione con #occupyjustice.

About Umberto Maiorca

Giornalista professionista, scrittore e sceneggiatore

Check Also

Armi da fuoco e legittima difesa. Scarrelliamo o deponiamo l’arma?

Se a qualcuno dovesse saltare in mente di entrare, nel cuore della notte, in casa …

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi