Home / News / Il Centrodestra vince anche in Sardegna, alcune riflessioni a carattere nazionale

Il Centrodestra vince anche in Sardegna, alcune riflessioni a carattere nazionale

La coalizione di centrodestra segna un altro punto a proprio favore. Il voto del 24 febbraio del 2019 ha visto trionfare il candidato del centrodestra Christian Solinas, segretario del Partito sardo d’Azione e senatore della Lega, con il 47,8%. A quattordici punti di distacco, il candidato di centrosinistra Massimo Zedda, con il 32,9%. Al terzo posto si piazza il candidato del M5S Francesco Desogus, con l’11,1% dei voti.

Le urne si sono chiuse con l’affluenza del 53,77%, in crescita dell’1,5% rispetto alle precedenti consultazioni del 2014.

Gli altri dati

Sotto il 5% gli altri quattro candidati alla presidenza. Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi) ottiene il 3,34%; Mauro Pili (Sardi Liberi) il 2,30%; Andrea Murgia (Autodeterminazione) l’1,82%; Vindice Lecis (Sinistra Sarda) lo 0,60%.

Commenti

Il neo governatore della Sardegna è pienamente soddisfatto del risultato ottenuto, mentre gli altri candidati ostentano, ineluttabilmente, un po’ di amarezza. Desogus si sfoga: “La partita era persa in partenza”. È il commento a caldo del candidato del movimento che poi si corregge affermando: “È un risultato netto e chiaro e per il M5S non è quello delle aspettative, vorrei chiarire che non ero già convinto di perdere: sapevo già che sarebbe stata una partita molto difficile”.

Il premier Giuseppe Conte afferma solamente che il risultato negativo del M5S non avrà alcuna conseguenza sul governo. Ma ci saranno conseguenze all’interno del movimento? il vicepremier di Maio assicura: “il movimento è vivo e vegeto” e ribadisce quanto affermato dal Presidente del Consiglio.

Esulta Matteo Salvini, dichiarando: dalle politiche a oggi “su sei consultazioni elettorali, la Lega vince sei a zero sul Partito Democratico. Anche in Sardegna, dopo il Friuli, il Molise, Trento, Bolzano e l’Abruzzo. E come in Abruzzo anche in Sardegna è la prima volta che ci presentiamo alle Regionali”. Anche Salvini è del parere che per il governo non ci saranno cambiamenti.

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, afferma: “dopo questo nuovo tracollo dei Cinque Stelle mi sembra che la fine del governo si stia avvicinando”.

L’ex Cavaliere Silvio Berlusconi è sempre più convinto che il centrodestra rappresenti l’unica maggioranza naturale e aggiunge che la funzione di Forza Italia, “che anche in Sardegna ha dato vita a liste civiche”, si è rivelata “essenziale”. Infine, fa notare come l’esito del voto in Sardegna ridimensioni il boom leghista in Abruzzo: il Carroccio senza Forza Italia “non è autosufficiente”.

About Sara Autorità

Check Also

Francia: vietato l’uso dei termini “padre” e “madre” nelle scuole

Il partito del presidente francese Macron ha definito i termini “padre” e “madre” come “obsoleti”. …

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi