Home / Criminologia / Il cybercrime è più reale che mai: il pericolo è in aumento

Il cybercrime è più reale che mai: il pericolo è in aumento

Cybercrime, anche se non ne sentiamo parlare non significa che non esista. In realtà, è più attuale e vero che mai, il cybercrime non è una favola o una storia inventata. È pura realtà, che ci circonda tutti i giorni e che attrae a sé un numero sempre maggiore di utenti. Difatti, leggiamo costantemente di notizie che riguardano l’argomento. Addirittura, il 20 agosto del 2021, abbiamo potuto leggere un articolo redatto dal Sole 24 Ore proprio in riferimento al pericolo derivante e scaturito dal cybercrime. Tra i più preoccupanti, ci sono le purtroppo ben conosciute richieste di “riscatto” dei dati sensibili trafugati online.

Un esempio tangibile, e anche di una certa entità, è stato proprio quello legato a Enel e Campari. Ben 14/15 milioni di dollari la cifra richiesta, in questo caso specifico. Ma abbiamo potuto assistere anche, di recente, all’attacco alla rete della Regione Lazio. Insomma, siamo ben consapevoli di ciò che accade tutti i giorni e che può accadere ancora in futuro.

Un ruolo fondamentale in tal senso, lo ha giocato sopratutto la pandemia. Nello specifico, grazie all’aumento delle postazioni dedicate allo smart working, i cybercriminali hanno avuto dalla loro la possibilità di potersi avvalere di più punti di accesso rispetto a prima. Il problema tangibile è che, in questo modo, i malintenzionati riescono ad avere il “via libera” per penetrare nella sicurezza delle reti delle aziende. Capiamo molto bene le conseguenze di azioni del genere.

Ma il problema aumenta quando, spostando l’attenzione, notiamo anche che esistono altre forme di attacchi ben mirati e precisi. Possiamo identificarli come non a sfondo ricattatorio. Si tratta di cyber attacchi diretti ai conti correnti e che sottraggono cifre comprese tra i 500 ed i 15.000 euro. Ancor più pesanti e preoccupanti se avvenute in modo ricorrente nel corso dell’anno.

In merito è intervenuto anche un esperto del settore. L’avvocato Dusi ha rivelato quali sono i passi successivi destinati alla protezione contro il cybercrime. L’attenzione è diretta a quelle aziende che, per evitare il mancato pagamento, vogliono evitare di essere soggette a questo tipo di vulnerabilità. Nelle Condizioni Generali di Vendita, infatti, vi è riportata l’obbligatorietà del saldo da parte di chi compra e della copia dell’ordine bonificato. Per una maggior tutela in questo senso, la soluzione è quella di intervenire attivamente proprio sulle suddette condizioni generali. Ad oggi esistono situazioni in cui, molte compagnie, non considerano tale documento. Questo però potrebbe avere una conseguenza sul proprio cash flow, negativa o positiva, a seconda di come si interviene.

Una soluzione, anche riguardo la tutela della rete, è sicuramente quella di avvalersi di assicurazioni e di coperture apposite. In Italia si tratta di un concetto non molto ben compreso e noto, di conseguenza neanche utilizzato e percepito come valvola di sicurezza. Esistono, per fortuna, delle compagnie attive nel mondo delle assicurazioni che stanno sempre di più spingendo verso questo particolare settore di competenza. Sono sia estere sia italiane e si stanno specializzando in maniera massiva in direzione di una tutela ottimizzata e funzionale sia per gli enti privati che pubblici. Nonostante siamo ancora non proprio allo stesso livello di altri paesi europei, tali assicurazioni con coperture destinate al cybercrime prendono piede nelle pubbliche amministrazioni come nel privato.

Nell’immaginario comune sta balenando l’idea che ci troviamo di fronte ad un cambiamento epocale. In realtà non ci accorgiamo che ci troviamo già al suo interno. Il cybercrime, oggi, è più reale che mai.

About Nicolo Magara

Check Also

Le interviste di Giustizia&Investigazione: Covid, green pass e libertà personali

Alessandra Pierelli intervista l’avvocato Luisa Manini

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi