Home / Giustizia e diritto / Rinegoziazione e risoluzione dei contratti a causa dell’emergenza sanitaria da Covid19

Rinegoziazione e risoluzione dei contratti a causa dell’emergenza sanitaria da Covid19

Gli avvocati Damiano Marinelli e Saverio Sabatini analizzano la questione nell’ebook edito da Maggioli

L’emergenza sanitaria da Covid19 ha portato anche alla crisi economica e alle difficoltà finanziarie di professionisti, commercianti e cittadini. L’ebook “Rinegoziazione e risoluzione dei contratti in emergenza sanitaria” intende affrontare “le questioni relative alla possibilità di sospendere il pagamento di ratei e/o di canoni, avvero di sospendere il pagamento dei canoni di affitto o locazione e se sia possibile approfittare della crisi per risolvere contratti – si legge nella presentazione nel sito dell’editore Maggioli – Al netto di ipotesi patologiche o illecite, la risposta a questi quesiti va indagata combinando le normative speciali alla disciplina codicistica. In questo senso, lo scritto si pone come strumento utile al fine di scegliere le strategie utili a tutelare gli interessi delle parti contrattuali”.

Autori del volume edito da Maggioli sono Damiano Marinelli e Saverio Sabatini.

Marinelli è avvocato cassazionista, mediatore ed arbitro. Già docente universitario, è presidente dell’Associazione legali italiani (www.associazionelegaliitaliani.it) e consigliere nazionale dell’Unione nazionale consumatori. Specializzato in diritto civile e commerciale, è autore di numerose pubblicazioni, nonché relatore in convegni e seminari (www.areaconsulenze.it – marinelli@areaconsulenze.it).

Saverio Sabatini, avvocato civilista, fondatore dello studio legale “Sabatini e associati” di Ancona, che cura gli interessi di numerose aziende private e pubbliche, società di capitali e istituti di credito. Specializzato in diritto civile, con particolare vocazione per il diritto delle società e per le procedure concorsuali, coltiva da sempre la materia successoria ed è autore di numerose pubblicazioni in argomento nonché relatore in convegni e seminari (www.sabatinieassociati.com – s.sabatini@sabatinieassociati.com).

Come nasce questo ebook?

“In un momento di crisi e di cambiamenti come quello che stiamo vivendo, anche la legislazione sta muovendosi (più o meno velocemente), per cercare di rispondere alle nuove esigenze dei cittadini. È poi importante poter comunicare ai cittadini le possibili opportunità e ‘strade’ presenti in questo momento”.

Risoluzione dei contratti a causa dell’emergenza sanitaria, qual è la situazione generale?

“Ad oggi molti soggetti si trovano nella impossibilità di adempiere alle proprie obbligazioni precedentemente contratti, in quanto ad esempio hanno dovuto tenere chiuso il loro negozio o il loro studio o comunque non possono avere più quei flussi finanziari e/o di cassa dei quali avevano potuto beneficiare fino a qualche mese prima. Si sono dunque modificate le condizioni ad opera di una situazione non dipendente dalla loro volontà (ed alcune volte le prestazioni sono diventate anche ‘impossibili’, si parla di impossibilità sopravvenuta). Per questo è possibile pensare di rinegoziare molte posizioni, per poter valutare le variazioni intervenute che possano permettere un cambiamento anche delle condizioni del contratto”.

Quali novità sono state introdotte dai decreti Cura Italia e Liquidità?

“A dire la verità ci si poteva aspettare di più. In effetti ad oggi sono normative dettate dall’emergenza, più che dal ragionamento, e di fatto non hanno sempre apportato le giuste risposte che ci si poteva attendere. Abbiamo avuto alcuni aiuti sotto forma di finanziamenti, alcune sospensioni e proroghe (pensate ai termini per rinnovare documenti di identità e patenti ad esempio), rimborsi tramite voucher (es. viaggi)… Ma in molte situazioni abbiamo ancora grossi punti interrogativi (locazioni, organizzazione eventi, etc.)”.

Quali contratti o obbligazioni si possono risolvere?

“Ad oggi, è giusto dirlo, manca spesso una norma specifica, per cui è possibile muoversi interpretando le norme già esistenti. Nell’opera che abbiamo scritto, insieme ad un team di qualificatissimi avvocati, notai e commercialisti (e dell’ausilio dell’Associazione legali italiani – www.associazionelegaliitaliani.it) abbiamo tentato di dare una idea, supportata dalle norme e dalla pregressa giurisprudenza, su quello che potrebbe essere possibile fare, naturalmente sottolineando i possibili rischi di comportamenti che ad oggi potrebbero non avere precedenti giurisprudenziali”.

Quali sono i passaggi da compiere per la risoluzione?

“La prima cosa da fare è sicuramente quella di contattare la controparte e capire quale sia la possibilità di contrattazione/negoziazione. Ad esempio se è vero che come studente universitario l’immobile locato potrebbe non essermi più utile, perché l’università non eroga più il servizio delle lezioni frontali, è pur vero che da proprietario dell’appartamento avrei comunque problemi a locare il mio immobile al costo precedente la situazione emergenziale. Per questo un accordo per un prezzo ‘calmierato’ per alcuni mesi potrebbe essere una utile scelta per entrambi. Se poi in generale non si dovesse trovare un accordo, a quel punto dovrei rivolgermi ad un legale per valutare la possibile convenienza per instaurare un giudizio per la risoluzione del contratto”.

Vale solo tra privati, tipo per l’affitto, oppure anche con banche, assicurazioni, finanziarie, ratei con l’Agenzia delle entrate?

“Per ora è possibile muoversi in tutti i casi in cui vi sia un provato, anche con soggetti come banche, assicurazioni, finanziarie, sondando anche la loro disponibilità alla negoziazione di termini diversi e nuovi rispetto a quelli contrattualizzati precedentemente. Per la disponibilità di pubbliche amministrazioni, la possibilità negoziale è demandata non alla discrezionalità del singolo dirigente, ma eventualmente ad una norma ad hoc che lo permetta. Infine una nota si deve fare perché è possibile pensare ad utilizzare norme differenti che già esistevano e che potranno vedere una estensione del loro utilizzo (fino ad ora modesto) ad esempio la normativa cosiddetta ‘salva suicidi’ legge 3/2012 (composizione della crisi da sovraindebitamento)”.

About Umberto Maiorca

Giornalista professionista, scrittore e sceneggiatore. Direttore del sito www.giustiziaeinvestigazione.it

Check Also

Progetto Argo, quando la detenzione in carcere si trasforma in opportunità

Giustizia e Investigazione questa volta si occupa dei detenuti che seguono i corsi di formazione …

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi