Home / Giustizia e diritto / Sicurezza sul lavoro, associazioni di categoria e professionisti a confronto

Sicurezza sul lavoro, associazioni di categoria e professionisti a confronto

Venerdì 7 febbraio si parlerà – a Perugia – di sicurezza nei luoghi di lavoro. Si tratta di una tematica fondamentale in quanto, al giorno d’oggi, la sicurezza nei luoghi di lavoro rappresenta un’emergenza nazionale. I fattori di rischio sono numerosi se si considera che – secondo i dati diffusi dall’Inail – nel 2019 solo nel nostro paese ci sono state 599 denunce, mentre nel 2018 sono stati registrati 1.218 decessi. Un dato che, se paragonato a quello dei precedenti anni, è in rialzo. È necessario premettere che, anche potendo usufruire di strutture messe a norma, degli incidenti potrebbero ugualmente verificarsi. Il numero di infortuni, tuttavia, sarebbe esiguo rispetto a quello che si registra normalmente. Edifici fatiscenti e impalcature che non sono messe a norma sono solo alcuni dei motivi che possono provocare degli infortuni che, nella peggiore delle ipotesi, sono infortuni con esito mortale.

L’incontro del 7 febbraio, organizzato da ALI e UNC Umbria, avrà inizio alle ore 15:00 presso l’Istituto Italiano Design, via Alessi n.3/A. A Introdurre il tema saranno l’avvocato Damiano Marinelli, presidente di ALI e UNC Umbria; l’avvocato Paola Giovanni Lai, referente ALI e UNC; l’avvocato Alessandro Toriello, referente Deaform. Si discuterà del decreto legislativo 81/2008 con una considerazione sul fenomeno degli infortuni e delle malattie professionali. In particolare si discuterà dell’articolo 28 concernente la “valutazione rischi stress lavoro correlato”, dunque stress, mobbing, burnout. Infatti, la sicurezza sul lavoro dipende non solo dalle strutture messa a norma o meno, ma dipende anche dall’ambiente di lavoro inteso come clima lavorativo. Pertanto, è importante la prevenzione di violenza (fisica o verbale) nei confronti dei dipendenti, più diffusa di quanto si può immaginare. Particolarmente esposti sono coloro che lavorano negli ospedali e i dipendenti statali, soprattutto chi lavora nelle scuole. I dipendenti che subiscono attacchi (di qualsiasi tipo) sul luogo di lavoro, spesso non sono affatto tutelati dagli enti che avrebbero competenza a prendere provvedimenti. I dipendenti devono essere messi in condizioni tali da poter svolgere serenamente il proprio lavoro e devono essere protetti qualora vi siano abusi di potere/d’ufficio da parte dei superiori. Inoltre, durante questo incontro verrà illustrata la politica in materia di sicurezza per quanto riguarda la regione Umbria (articoli 41 e 42 della legge regionale del 14/02/2018). Ad aprire una riflessione sulle suddette tematiche saranno: il dottor Angelo Garofalo, responsabile nazionale antimobbing UIL e FPL; il dottor Armando Mattioli, responsabile area nord SPSAL e responsabile del collegio medico mobbing USL Umbria 2; il dottor Giuliano Bussotti, responsabile servizio mobbing, stress lavoro correlato, mediazione USL Umbria 2. Moderatore sarà il giornalista Giuseppe Castellini.

Infine, si parlerà anche di educazione alla sicurezza come elemento fondamentale per le aziende, tema che verrà introdotto dal dottor Alessandro Belli, ex presidente AIDP Umbria.

L’evento è patrocinato dalla Provincia di Perugia, dall’Istituto Italiano Design, Cesvol Umbria, Digconsum, ELSA Perugia, Confassociazioni e Maggioli Editore.

About Sara Autorità

Check Also

Israele, Palestina e la questione dei diritti umani: quale futuro?

Dal 1967, lo Stato d’Israele – vincitore della guerra dei sei giorni – occupa i …

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi