Home / Cultura / Studenti-investigatori per scoprire il turismo rispettoso della natura e dei luoghi storici

Studenti-investigatori per scoprire il turismo rispettoso della natura e dei luoghi storici

Le scuole e gli studenti per far crescere il turismo. È quanto prevede il concorso per le scuole primaria, secondaria di primo e di secondo grado del sistema scolastico regionale “Io per il turismo sostenibile in Umbria”.

Il concorso, promosso dal Comune di Perugia, dall’associazione scientifica Biosphera e dall’associazione culturale “Produttori di Pace”, in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale, intende sollecitare gli studenti umbri ad un «impegno propositivo diretto e proattivo finalizzato ad una coerente consapevolezza del concetto di sostenibilità». L’iniziativa si colloca tra quelle concepite per sviluppare la «crescita verde e condivisione del turismo sostenibile», nell’ambito dell’anno internazionale del turismo sostenibile.

Il progetto si propone «di contribuire alla crescita di una cultura verde ed eco-compatibile e del turismo sostenibile» al fine di limitare i «fattori di modificazione del territorio» che nel tempo hanno contribuito «ad inquinare, cementificare ed a ridurre le risorse naturali con conseguenti consumi eccessivi del territorio rurale e fenomeni di omologazione, tali da produrre una perdita delle caratteristiche peculiari di un luogo».

Il focus delle attività proposte nel bando è «il turismo sostenibile, come si è andato affermando anche in Italia negli anni più recenti, nella direzione di un turismo responsabile ed etico, che rispetti le valenze specifiche dell’ambiente e del territorio, capace di favorire uno sviluppo economico e benessere sociale alle popolazioni locali». A turismo veloce e rapace si deve contrapporre un «turismo a basso impatto ambientale, lento, che scelga tempi rilassati per conoscere, vivere e visitare luoghi a contatto con la natura, riscoprendo il rapporto con se stessi, con il proprio corpo e con l’altro, attraverso la costruzione di relazioni di reciprocità» E l’Umbria sembra proprio il luogo dedicato a questo tipo di turismo: sentierismo, trekking, escursionismo, culture locali, enogastronomia, feste e tradizioni collegate all’uso delle moderne tecnologie digitali.

Il bando chiede ai giovani partecipanti di «rappresentare in gruppo “che fare come diretti attori”, affinché un territorio come quello umbro sia sempre più oggetto di attrazione per le sue potenzialità di offerta delle varie forme di turismo sostenibile, interpretando liberamente il tema, con la possibilità di scegliere tra le diverse forme di linguaggio proposte nel bando», cioè la «realizzazione di un DVD di filmati originali con una durata massima di 15 minuti; realizzazione di un elaborato in forma di saggio breve o di articolo giornalistico con una lunghezza compresa fra le 3 e le 8 pagine formato A4, carattere “Arial” 10; realizzazione di un disegno o dipinto o di altra espressione figurativa di dimensione non inferiore ad un A4 e massimo cm 70 x 120». Ogni scuola dovrà scegliere i due migliori prodotti per ogni tipologia, precisando «il numero di alunni, genitori, docenti impegnati nel progetto ed il numero di ore necessarie per elaborarlo». La domanda di partecipazione, corredata dagli elaborati, dovrà pervenire in busta chiusa, entro le 13.30 del 10 maggio 2018 all’Ufficio Protocollo del Comune di Perugia, Piazza Morlacchi n. 23, 06123 Perugia tramite consegna a mano; a mezzo dei servizi postali e corriere; pec all’indirizzo comune.perugia@postacert.umbria.it. All’esterno della busta deve essere indicato il titolo del bando “ Io per il Turismo Sostenibile in Umbria”, nonché il nome della scuola di provenienza; all’interno della stessa deve essere inserita un’altra busta chiusa dove sono indicati il livello del corso di studio, la classe o il gruppo di classi e/o i dati anagrafici dei partecipanti al gruppo di lavoro.

About Redazione

Check Also

Legittima difesa, da diritto del cittadino a concessione dello Stato

La legittima difesa è un diritto o una concessione dello Stato? Scorrendo i casi di …

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi