Home / Criminologia / Tre colpi nel silenzio, un mistero lungo oltre venti anni

Tre colpi nel silenzio, un mistero lungo oltre venti anni

Un libro ripercorre il delitto irrisolto di Mauretta Fondacci

Tre colpi nel silenzio, il libro di Sara Olivieri e Roberta Catania (edizioni Nèmesi) che racconta la storia dell’omicidio Fondacci

Lo scorso 20 marzo è uscito in formato cartaceo e e-book “Tre colpi nel silenzio”, il primo libro dedicato all’omicidio di Mauretta Fondacci, giovane eugubina freddata, nel novembre del 1997, con tre colpi di fucile mentre per una strada sterrata – tra Bevelle e Mocaiana – si recava a Casamorcia, dove lavorava in un negozio di pasta fresca. Questo episodio di cronaca nera che ha interessato l’eugubino, ormai quasi 23 anni fa, ha stravolto la vita di un’intera famiglia che, ad oggi, ancora non ha avuto giustizia. Il delitto è rimasto irrisolto. Il libro – edito da Nèmesi – firmato a quattro mani da Sara Olivieri e Roberta Catania, ripercorre dettagliatamente l’iter giudiziario del delitto e vede la prefazione della nota criminologa Roberta Bruzzone che ha seguito Sara Olivieri nella tesi all’accademia delle scienze forensi di Roma.

Il libro è scritto a quattro mani da Sara Olivieri e Roberta Catania e ripercorre questo drammatico episodio passo dopo passo.

Qual è l’iter giudiziario (ripercorso dettagliatamente nel vostro libro) di questo efferato delitto?

Paradossalmente, nonostante l’omicidio di Maura risulti inspiegabile ed incredibile, l’iter che venne seguito all’epoca, ricordiamo era il 1997, fu abbastanza lineare. Alle indagini seguì un processo con tre gradi di giudizio per un unico imputato, poi assolto. Da quel momento il silenzio. Il nostro lavoro è stato quello di utilizzare le più note tecniche in ambito criminologico per rianalizzare tutto il fascicolo, cercando di dare coerenza a tutti gli elementi emersi all’epoca. Una sorta di puzzle a cui manca, però, ancora il pezzo più importante.

“Tre colpi nel silenzio” è il primo testo che parla dell’omicidio Fondacci. Come nasce l’idea del libro?

Tre Colpi Nel Silenzio nasce dalla volontà di far conoscere la storia di Mauretta. La vicenda è avvenuta a Gubbio nel 1997, un piccolo paese dove tutti sono al corrente di questa triste vicenda, finora però ognuno aveva una sua idea, ora grazie al libro, che ripercorre solo gli atti giudiziari senza considerazioni personali, le persone potranno farsi un’idea più chiara di quello che è avvenuto quel maledetto 6 novembre 1997. Troppo spesso le vittime vengono dimenticate, messe in un angolo ad aspettare una giustizia che purtroppo, come in questo caso, dopo tanti anni ancora non arriva. Per questo abbiamo deciso di metterci a disposizione di una famiglia che a distanza di anni cerca quantomeno delle risposte.

Come nasce la vostra collaborazione?

Ci siamo conosciute durante uno dei corsi di alta formazione in criminologia svolto dall’Aisf (Accademia internazionale delle scienze forensi) della dottoressa Roberta Bruzzone, discutendo del caso abbiamo unito le nostre conoscenze e capacità, per creare, da una tesina prettamente tecnica, un libro fruibile a tutti.

Il libro ripercorre esclusivamente l’iter giudiziario e non presenta alcuna considerazione personale. Tuttavia, qual è la vostra opinione sul caso?

Abbiamo scelto di non inserire alcuna considerazione personale proprio perché per noi era importante che ripercorrendo fedelmente la storia di Maura, il lettore non fosse condizionato da opinioni esterne. Questa vicenda aveva bisogno di verità oltre che di giustizia. Non è una caccia al colpevole o una critica al lavoro svolto negli anni, ma un’esortazione a parlare in caso qualcuno abbia taciuto qualcosa di importante. È un omicidio davvero inspiegabile quello di Maura, almeno apparentemente perché come sottolinea Roberta Bruzzone nella prefazione “non esistono delitti perfetti, solo delitti impuniti”.

About Sara Autorità

Check Also

Omicidio di Meredith Kercher, un caso ancora da studiare

L’associazione Elsa Perugia ha organizzato un evento per ricordare e parlare dell’omicidio di Meredith Kercher, …

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi