Home / Giustizia e diritto / Violenza fisica e psicologica sui bambini: come prevenire

Violenza fisica e psicologica sui bambini: come prevenire

Nel nostro paese aumentano sempre di più i casi di maltrattamento all’interno di asili nido. Solo lo scorso mese, sono stati registrati sei casi e anche pochi giorni fa il fenomeno si è ripetuto. La dinamica varia lievemente, ma si tratta pur sempre di comportamenti reiterati. I piccoli ospiti vengono presi a schiaffi e calci, strattonati, bacchettati, messi in castigo e talvolta incitati a picchiarsi l’un l’altro dalle proprie maestre. Alle violenze, poi, si aggiunge anche la non curanza dei bisogni dei bambini.
Anche la dinamica con cui i carabinieri scoprono i maltrattamenti è la medesima: la videosorveglianza, autorizzata a seguito di denunce da parte dei genitori che vedono i propri figli assumere comportamenti aggressivi e atteggiamenti scostanti. È chiaro che ci sia una violenza fisica, ma anche psicologica. Nella maggioranza dei casi si tratta soprattutto di violenza verbale. Quando si verificano episodi così incresciosi e abominevoli, i bambini non riescono ad esprimersi; non riescono a raccontare in famiglia le vessazioni subite. Reagiscono, però, con questi comportamenti perché, ormai, tutto li terrorizza e cercano di difendersi anche da chi in realtà li ama.

Il maltrattamento infantile può cagionare conseguenze di varie entità a breve e a lungo termine, come depressione, ansia e disturbi dissociativi. Negli ultimi anni i casi sono stati così tanti, da portare i genitori a firmare innumerevoli petizioni al fine di chiedere l’istituzione obbligatoria delle telecamere all’interno delle strutture educativi quali asili nido e asili comunali. Ma la strada è ancora molto lunga. In ottemperanza alle norme che tutelano il diritto alla privacy, le telecamere possono essere istituite solamente nel momento in cui il magistrato constata che sia in pericolo l’incolumità dei bambini. Dunque, quest’ultima, prevale in tal caso sul diritto alla privacy.

In attesa di una svolta, come si può prevenire?
È possibile capire tempestivamente se qualcosa non va controllando il comportamento del bambino. Anzitutto, tramite i segnali di maltrattamento fisico: lividi, morsi, ferite, contusioni ed escoriazioni in punti del corpo che non possono essere accidentali. Ma come sopra accennato, purtroppo nella maggior parte dei casi si tratta soprattutto di violenza verbale e sono soprattutto i danni psicologici che si manifestano. Questi ultimi non sono affatto facili da individuare nell’immediato. Proprio per questo occorre avere sempre gli occhi aperti.

About Sara Autorità

Check Also

Etica per un nuovo mondo

Quanto sta accadendo intorno a noi ci impone una riflessione sul tema dell’etica, una riflessione …

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi